fbpx

TUTTI I TESTI

veronica mereu - sa scena sarda

Veronica Mereu

Veronica Mereu, 2018

Enjoy It!

Stop trying to be perfect,

let your emotions take over.

Mask off, mask off!

Show me the real You.

What about your desires?

Do one thing and do it well.

Open, open your mind...

What makes your soul happy?

Move your body, move your mind,

Friend, it's time to make a choice.

What makes you really feel alive?

Let it out!

Enjoy life, every day is a good day!

Enjoy it every day.

Enjoy life every day

Let's enjoy it today

Enjoy it every day

Have you ever been happy?

Have you ever really tried?

Just by running, running,

running, running and chasing clouds,

light-heartedly?

What is running through your mind?

Try to listen to yourself more.

Are you ready to shake up your life?

Come on! Come on!

Enjoy life, every day is a good day!

Enjoy it every day.

Enjoy life every day

Let's enjoy it today...

Set yourself free and open your mind

It's all in your mind

There's a whole world outside

Enjoy it! free your mind, Enjoy life!

Enjoy life, every day...

Ribelle e Fragile

Seguo il contorno delle dita immaginando di arrivare a te;

se solo le mie mani potessero toccare le linee di quel volto che che no, non riesco più a dimenticare,

in ogni angolo riappare.

La primavera arriva senza te, ribelle e fragile.

Vedo i pittori coi colori, le loro tele già a metà,

danno la vita alle stagioni e ai tanti scorci della tua città.

Profumi di una regione, bagliori antichi di una nazione;

la vita scorre in mezzo ai tanti ponti, sui ponti vedi i bei tramonti

Io qui vicino a te vorrei, vorrei svelarti i gesti miei

e chiederti se l'hai capito, se nel tuo domani io ci sarò.

Per te accetterei di attraversare quei chilometri, con te passeggerei per quelle vie di luci e bei caffè, con te, vivrei con te nella città dell'arte,

vorrei davvero, adesso, farne parte,

perché fra tutte le sue opere d'arte, amore, in parte un po' ci sei anche te.

Vedo riflessa la mia vita sul mare della mia città; sposto la sabbia con le dita, disegno qualche lettera che no, non riesco, no, a dimenticare,

bagnata ormai è la tua iniziale. E un'altra onda arriva senza te,

ribelle, senza dire o chiedere ed io più fragile.

Per te accetterei di attraversare quei chilometri, con te passeggerei per quelle vie di luci e bei caffè, con te, vivrei con te nella città dell'arte,

vorrei davvero, adesso, farne parte,

perché fra tutte le sue opere d'arte, amore, in parte un po' ci sei anche te.

Con te, vivrei con te nella città dell'arte, vorrei davvero, adesso, farne parte,

perché tra mille, mille, mille ed altre opere d'arte, amore, ho scelto te!

La primavera arriva insieme a te

e non ha più paura d'essere ribelle e fragile.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: