fbpx

Festival delle Culture Indipendenti

Dieci anni di Underground Experiment

A cura di Gianpaolo Cherchi

Festa di compleanno riuscitissima e festeggiatissima per Underground Experiment, che ha celebrato i suoi primi dieci anni di attività con il terzo Festival delle Culture Indipendenti nella magnifica cornice “bucolica” di Molineddu, a Ossi (SS): un vero e proprio paradiso naturale trasformato in un parco artistico a cielo aperto.

angela colombino - enolabit - sassari - underground experiment - sassari - 2019 - sa scena sarda
Angela Colombino, Enolabit (pic by Mystery Girl)

L’evento, trasmesso in diretta streaming sulle frequenze di Radio Nuts, ha visto esibirsi sul palco il “padrone di casa” Paolo Lubinu, co-fondatore di Underground Experiment, che ha aperto la serata con il suo spettacolo Il Gabbiano, ipnotizzando letteralmente il pubblico, in religioso silenzio ad ascoltare il suo recital e l’abile accompagnamento della sua chitarra.

Spazio poi al songwriting raffinato di Kristina Jacobsen, che per l’occasione ha presentato il suo nuovo album Shelter.

kristina jacobsen - underground experiment - sa scena sarda - 2019 - parco molineddu - ossi - sassari - 2019
Kristina Jacobsen (pic by Mystery Girl)
paolo lubinu - underground experiment - sa scena sarda - parco di molineddu - ossi - 2019 - sassari
Paolo Lubinu (pic by Mystery Girl)

È stata poi la volta del blues ruvido e travolgente dei Don Leone, power duo impostosi ormai da qualche anno ai vertici del settore e che ha saputo riscuotere successi anche in ambito internazionale.

Gli ultimi a salire sul palco sono stati gli Enola Bit, trio sassarese che rappresenta una delle realtà più interessanti e credibili dell’intero panorama sardo, capaci di infiammare il pubblico con le loro sonorità sintetiche e i beat elettronici, ma soprattutto con un’innata attitudine per il palco e per il live.

don leone - donato cherchi - underground experiment - sa sena sarda - parco di molineddu - ossi - sassari - 2019
Donato Cherchi, Don Leone (pic by Mystery Girl)

Se la musica era senza dubbio al centro della serata, non è stata tuttavia la sola protagonista: come sempre, l’ecletticità delle menti di Underground Experiment ha saputo dare valore al variegato mondo – spesso immeritatamente sconosciuto – delle produzioni underground, dando spazio a label discografiche, illustratori, editori, grafici, e proponendosi come vero e proprio “hub culturale”. Una vera e propria “mission” che l’Associazione Culturale si è posta fin dalla sua fondazione, cercando di puntare sempre i propri riflettori sulle realtà indipendenti, su progetti artistici e culturali alternativi, non convenzionali, di rottura. Ecco perciò che non poteva mancare un ampio spazio al mondo delle produzioni video, con l’heavy rotation di cortometraggi indipendenti, videoclip musicali e short movies provenienti dal panorama underground.

Una serata intensa e importante, dunque, degna di una realtà che da 10 anni, ormai, porta avanti con passione e dedizione progetti culturali ambiziosi, e a cui auguriamo ancora tante candeline da spegnere e tanti traguardi da raggiungere e festeggiare insieme.

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo sui tuoi social e lasciaci un commento

Aiutaci nella nostra avventura con una piccola donazione (trovi il pulsante nel footer qua sotto) Grazie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: