//cdn.iubenda.com/cookie_solution/safemode/iubenda_cs.js

I Tres Radio Express Service a Cagliari

Roberto Luti, Simone Luti e Rolando Cappanera fotografati da Gianfilippo Masserano

Alla Compagnia Cantante sabato si è svolto un rito.

Il rito del rock. Quello vero e artigianale, dove il sudore e l’essere umani predomina su tutto il resto.

La cura dei dettagli  e la tecnica mai abusata poi,  ha portato un classico concerto rock verso la strada della psichedelia più coinvolgente e verso il profumo di eccezionalità.

Lo spazio tempo si è talmente distorto che quell’ora e mezza è durata pochissimo.

Il pubblico appeso a quelle corde, distratto solo dai colpi, raramente sentiti così secchi, precisi e potenti, della batteria.

Il basso sornione, a seguire e registrare i due bomber, creando una difesa impeccabile.

Lo stupore nei visi delle persone, l’acustica del locale davvero buona.

I T.r.e.s. mi hanno regalato un concerto strepitoso, che immaginavo, ma mi ha stupito lo stesso.

Rolando Cappanera è davvero unico, un tocco sempre secco ed elegante allo stesso tempo. Simone Luti che collegava il tutto e ogni tanto si prendeva le sue licenze con un basso a cinque corde. Poi lui, Roberto Luti, il protagonista della serata, schivo e riservato fuori ma una vera macchina schiacciasassi con la sua chitarra.

Da segnalare la generosità dei musicisti cagliaritani. All’imbarco a Pisa non sono stati imbarcati i bagagli del gruppo, quindi attraverso un tam tam si è fatta una richiesta degli strumenti in prestito per le due serate. Ne sono arrivati tantissimi. Chitarre, bassi. La Telecaster rossa che vedete nelle foto è di un altro signor chitarrista, per alcuni aspetti simile a Roberto, quel Matteo Zuncheddu che aprì il concerto di James Cotton a Narcao Blues nel 2012!

Ecco le stupende foto di Gianfilippo Masserano.

 

T.R.E.S.

Roberto

Simone

Rolando

Ti piace il nostro sito?

Non ci avvaliamo di pubblicità, banner o pop up. Vorremmo provare a farne a meno.

Quindi la nostra forza sei tu e la tua passione. Contribuisci a far crescere questo progetto.

Te ne saremo infinitamente grati, e potrai sentirti protagonista di Sa Scena Sarda quanto noi!

Leave Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *