fbpx

AHEAD / ASTERN - RECENSIONI

Tardigrades - Ahead / Astern - Sa Scena Sarda - 2019

Tardigrades

Ahead / Astern, Autoproduzione 2019

Recensione di Simone La Croce

I tardigradi sono minuscoli invertebrati con incredibili capacità di sopravvivenza anche in condizioni estreme. Attitudine di resistenza e adattamento che piace tanto agli scienziati quanto agli Ahead/Astern. Forse per le stesse ragioni.

“This music is intended to be listened at high volumes” è la frase che introduce l’ascolto del disco su Bandcamp. Tardigrades si muove nel solco avviato dai primissimi Minuteman, tracciato dagli ultimi Black Flag e chiuso magistralmente dai Big Black prima, e ovviamente dai Fugazi poi. I ragazzi pescano a piene mani dal grande calderone del post-hardcore, convogliatore delle menti più creative del primo lustro degli 80 frenate da certe direttive integraliste dei kids. Anche gli Ahead/Astern sembrano volersi affrancare dalle rigidità del math rock con ritmiche precise ma spiazzanti, bassi acidi e ossessivi - Mike Watt docet - e voci distanti che rievocano l’Albini degli esordi. Un tenace elogio alla potenza della sorpresa: disorientare per colpire a tradimento, ora con piccoli buffetti ora con violenza inaudita.

Inadeguatezza, alienazione, fuga dalla realtà, dalla famiglia e dall’omologazione: guerre infinite e velleità di riscatto dove l’odio si fa detonatore e combustibile. “We're not the-dead-weight we’ll preserve our time”. Appunto.

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo sui tuoi social e lasciaci un commento

Aiutaci nella nostra avventura con una piccola donazione (trovi il pulsante nel footer qua sotto) Grazie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: