Sangue [Testi]

Daniela Schirru testi

TUTTI I TESTI

Sangue - recensione - Sa Scena Sarda - Daniele Mei - 2019

Sangue

Sangue 2018

Grano rosso sangue

Non hai capito o forse sei sordo

Mi spacco le mani per suonare piu forte

Non ci sono domande o risposte da dare,

Devi avere il coraggio di volerci ascoltare.

E se vedi una luce

E se cerchi il messia

Stai sbagliando la strada

Non siamo noi la tua via.

Shining

Quando son solo e cado dentro al mio silenzio, bevo da solo tutto quanto il mio veleno

Riapro piano fino in fondo le ferite, non ho amici e non ho amiche

Io sono figlio di una notte senza amore

Io sono il diavolo

Il tentatore

Io sono il figlio di una notte senza amore

Io sono il diavolo

Il distruttore

E non mi puoi fermare.

Pulp Fiction

Ho bisogno di spazio, spacco tutte le cose.

Ti dico che sono sincero, ti giuro che sono sincero!

Ho le mani nel collo e ti stringo la gola.

Adesso ti ammazzo sul serio, adesso ti ammazzo sul serio!

Fuggo dentro la notte, mi nascondo nel buio e spero che il giorno non torni

Odio tutta la gente, non saluto nessuno e aspetto che il male ritorni

Mi confondo tra il fango e l asfalto, mi confondo tra il fango e l asfalto

E distruggo ogni sogno sperando di essere morto, di essere salvo.

E ricado di nuovo e mi vedo crepare

Stanotte mi ammazzo sul serio, mi vuoi violentare davvero?

Ho le braccia legate, tu coltelli affilati

Ti prego non starmi a guardare, uccidimi, fammi del male

Tu distruggi i miei sensi di colpa, tu fallisci i miei giorni migliori

Aspettando che tutti i miei sbagli saltino fuori.

Mi confondo tra il sangue e la terra, mi confondo tra il sangue e la terra

Ho sparato due colpi alla testa

Ho finito le armi

Ho perso la guerra.

Forrest Gump

Ho perso anni costretto a rovistare in infiniti niente

Fottendo il tempo, sbagliando ogni mia mossa, sentendomi un perdente.

Ora che ho faticato tanto in cima alla salita cerco da solo una risposta, una via di uscita.

Mi contorco in fondo al mio dolore aprendo una ferita.

Mi danno l’anima, nascondo i miei problemi dietro una bottiglia.

Cadendo dentro un buio nero respirando zolfo vomito tutto il mio veleno, tutto il mio rimorso.

Tocco il fondo e non voglio risalire.

Tocco il fondo e non voglio risalire.

Tocco il fondo e non voglio risalire.

Scavo ancora e mi accomodo un po’ più giù.

X-Men

Da soli un istante o soli per sempre non ci schiaccerete con i vostri giochi.

L’idea è sempre quella, arde violentemente, la state rendendo meno sincera.

Il morto respira anche sotto la terra,

Trovate la forza di ucciderlo ancora

Regole e maschere vi hanno tradito

Tristi come bambini all'entrata di scuola.

E’ un seme maligno di rabbia e violenza

E' una mente piena di brutti pensieri

Attraversa l’anima e rompe i silenzi, scava dentro i corpi rendendoli veri.

Provate ad aprire le vostre menti, scendete per strada a combattere ancora

Il morto cammina rompendo le righe

Le regole cambiano a partire da ora.

Basic Instinct

Orgasmi multipli , un nodo nella gola

Quando da due anime si forma una persona.

Aspetta un attimo, respira senza sosta

Apri la mente e fai entrare i tuoi rumori

Sento un suono snervante di tamburi, vedo satana sdraiato in mezzo ai fiori.

Io non ti temo e non ti schiverò mai!

Come un lupo rabbioso cerca prede con i denti macchiati del mio sangue

Mi nascondo ferito e disarmato, trovo conforto in fondo alle tue gambe

Muoio rinasco e muoio, divento cieco ma vedo tutto.

Urla distorte senza parlare, conosco Dio e non so pregare.

Mi confondi

mi disciogli

Si combatte

Mi distruggi.



Blade Runner

Rimango sveglio, vago nel mio dentro a piedi nudi sopra un fuoco acceso

Senza una meta e mani da toccare, piangendo lacrime violente e amare

E intanto in cielo mille collisioni, mille frammenti, cento esplosioni

Finalmente vi ho visto soffrire, aspetto l’attimo per poi morire.

Non sono un umano, non sono animale, in questo mare di lava voglio solo bruciare.

Ed il sole si è spento, scende fredda la sera, mi accompagno all’inferno con le anime in pena.

Un giorno di ordinaria follia

Salve a tutti stronzi bastardi, son venuto a spezzarvi le gambe

Mangerò tutti i vostri cervelli, lo farò nel nome del Padre.

E quando l’ultimo uomo del mondo striscerà sanguinante ai miei piedi, ficcherò la mia lama rovente nel suo corpo straziato dal male

Ora potete dormire tranquilli e non pensare al vostro domani

Sono io il finale di tutto.

Sono il chiodo che trafigge le mani.



Una produzione IndieBox Music 2018