//cdn.iubenda.com/cookie_solution/safemode/iubenda_cs.js
mi dispiace-mi perdono-ti-amo-grazie

Mi Dispiace, Mi Perdono, Ti Amo, Grazie!

Chi Sono Io?, Autoprodotto 2018

Recensione di Alberto Dessì

Chi sono io? è l'ultimo progetto solista del Sassarese Luca Usai, cantautore e musicista attivo nella scena alternative rock isolana sin dagli anni '90 e noto soprattutto per essere autore e cantante nella band LuxRock. 

Il disco é prodotto e registrato in presa diretta da Antonio Maciocco delle Officine Musicali Sassari e poi stampato grazie a Musicraiser!

luca usai - chi sono io? - sa scena sarda - barbara oggiano - 2018
Foto di Barbara Oggiano, riproduzione riservata

Alla ricerca di se stessi

Il disco di Usai è corposo: è composto in totale da 11 tracce e una bonus track.

La composizione dei brani è secca, incentrata su chitarra acustica e voce nella pressoché totalità dei brani, caratteristica che riesce a dare al progetto una linearità  riconoscibile fin dal primo ascolto. Le doppie voci nei ritornelli amplificano i messaggi e rendono il lavoro armonioso.

Il viaggio che propone Luca Usai è fortemente personale: un omaggio alla ricerca del sé, ma anche una carrellata di sentimenti forti che passano dalla ribellione al disgusto passando per l'amore più puro e il sesso.

La caratteristica fondamentale dell'album, sicuramente voluta, è che molte strofe sono viscerali, urlate. Una sorta di insubordinazione interiore che porta il cantante a voler narrare se stesso ma, allo stesso tempo, a lanciare provocazioni forti per sostenere punti di vista a volte giudicati scomodi dai più e spesso nascosti con l'artificio di liriche poco comprensibili: in Chi sono io? i testi sono chiari e di impatto, non c'è molto spazio per le allusioni incomprensibili.

I brani maggiormente degni di nota sono sicuramente L'Errore dove abbiamo un testo poco velato che sfocia in un ritornello e un ritmo cadenzato che entra in testa dal primo ascolto; Originale è un bel pezzo con un risvolto di denuncia e degli arpeggi interessanti; altro brano particolare ed interessante è la bonus track Essere Felice  dove l'autore si mette completamente a nudo esprimendo tutto se stesso "per essere felice io non vi devo niente".  

star - luca usai - chi sono io? - barbara oggiano - sa scena sarda - 2018
Star, foto di Barbara Oggiano, riproduzione riservata

Una vita in musica

Nel complesso la pecca del disco è il numero molto elevato di brani che forse ne vanifica l'intento  di apparire come messaggio, l'autoproduzione fa da padrona nel missaggio e nel prodotto finale che purtroppo offre un suono a tratti monotono e non squillante a sufficienza.

Pensiamo però che l'obiettivo di Luca Usai sia quello di mettere in musica la sua vita e ciò che lo circonda senza rifarsi a suoni patinati e troppo moderni che ne vanificherebbero il gusto e la caratura da cantautore popolare che ha e gestisce egregiamente.

Leave Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *