fbpx

ISOLE CHE PARLANO - NEWS

Isole che Parlano

Il programma della ventiquattresima edizione

Per la ventiquattresima volta gli aspri contorni della costa gallurese ospiteranno il Festival Internazionale “Isole che Parlano”, sotto la direzione artistica di Paolo e Nanni Angeli. Da lunedì 7 Settembre, fino a domenica 13, Palau continuerà a essere l’epicentro della manifestazione, ma anche Arzachena, Luogosanto e Santa Teresa di Gallura ospiteranno parte delle esibizioni.

Il festival è stato concepito secondo quattro grandi aree “tematiche”, differenziate in base ai risvolti artistici esplorati e al target di pubblico a cui sono rivolte: le isole parleranno, ovviamente, di musica, protagonista principale del festival, ma anche di arti figurative, sapori e rivolgeranno particolare attenzione ai bambini.

Isole che Parlano - Paolo Angeli - Nanni Angeli - Isole che Parlano di Musica - festival - Palau - 2020 - Sa Scena Sarda
Isole che Parlano

Il festival entra nel vivo lunedì 7, fino a mercoledì 9, con la rassegna, curata da Alessandra Angeli, dedicata ai più piccoli, “Isole che parlano ai bambini”, che, giunta alla sua quindicesima edizione,  vedrà catapultare i giovanissimi ospiti in un viaggio alla scoperta della radio, delle cartoline postali, di avventure nel Monte Altura e di film di animazione. 

La prima puntata di Racconti su Misura, ripercorrà le edizioni passate della rassegna, proponendo una serie di interviste a chi ha collaborato negli anni precedenti, il cui podcast sarà disponibile su isolecheparlano.bandcamp.com.

Storie che parlano sul filo sarà invece un laboratorio di narrazione e collage su carta a cura di Laura Capra e Gianluca Sciannameoper bambini e ragazzi che abbiamo frequentato la scuola primaria – che li porterà a scoprire i segreti che si celano dietro le comunicazioni radio e le cartoline postali. Nei pomeriggi di lunedì 7 e martedì 8 settembre saranno condotte delle visite guidate gratuite a  Monte Altura, a cura della LUGORI Sardinia Tourism Services e dedicati ai bambini a partire dai 4 anni, ai ragazzi e ai loro genitori.

Il 9 settembre all’Arena Effetto Notte sarà, infine, proiettato il film d’animazione Lorax il guardiano della foresta a cura dell’Associazione Ariele.

Isole che Parlano - Paolo Angeli - Nanni Angeli - Isole che Parlano ai Bambini - Alessandra Angeli - festival - Palau - 2020 - Sa Scena Sarda
Isole che Parlano - Isole che Parlano ai Bambini

Il 10 settembre sarà presentata la rassegna “Isole che parlano di fotografia” con l’inaugurazione della personale Broken Songlines di Monika Bulaj, fotografa, documentarista e reporter, realizzata in collaborazione con Fujifilm e con l’Istituto Polacco di Roma. La mostra sarà presente fino all’8 Ottobre al Centro di Documentazione del Territorio di Palau e comprenderà 51 immagini dedicate alle minoranze in fuga. La fotografa sarà anche protagonista,  alle 22:30 presso il Cine Teatro Montiggia, della performance multimediale Broken SonglinesTre manoscritti, durante la quale saranno raccontate le storie e i percorsi legati ai suoi reportage.

Monica Bulaj - Broken Songlines

Giovedì 10 settembre alle ore 18:30 si entrerà nel vivo della kermesse musicale con l’anteprima Aspettando Isole che Parlano: alla Tomba dei Giganti “Coddu Vecchju” ad Arzachena si terrà il concerto del duo elettroacustico Nostos - una fanfara transadriatica formato dall’albanese Irida Gjergji (viola, voce, elettronica) e da Flavia Massimo (violoncello, elettronica), durante il quale saranno rivisitate in chiave minimale, musiche popolari balcaniche, mediterranee e mediorientali.

Il giorno successivo, venerdì 11 settembre alle 19:00, partirà la tre giorni di Isole che Parlano di musica, con il Concerto al tramonto in piazza Libertà a Santa Teresa Gallura. Jabel Kanuteh (Gambia), griot migrante dal Gambia all'Italia, attraverso il Sahara, la Libia ed il Mediterraneo, e il percussionista romagnolo Marco Zanotti (Italia), direttore della Classica Orchestra Afrobeat e di Cucoma Combo, presenteranno Freedom of Movement, album uscito a marzo 2020, incentrato sul desiderio, il diritto e la libertà di movimento, nella musica e attraverso i confini geografici.

In serata, alle 22:00, nella suggestiva cornice della Fortezza di Monte Altura a Palau, si terrà l’esibizione di Stefano Pilia, chitarrista e compositore elettroacustico a cavallo tra il post-rock e la musica di Arvö Pärt, che nel tempo ha collaborato con nomi del calibro di ZU, In Zaire, Rokia Traoré e Afterhours. A seguire, alle 23:00, si esibirà la cantante e compositrice sarda Dalila Kayros, le cui sperimentazioni vocali spaziano tra Björk e Diamanda Galas, e il compositore e performer sonoro Danilo Casti, in un set onirico e viscerale di voce ed elettronica.

Isole che Parlano - Paolo Angeli - Nanni Angeli - Aspettando isole che Parlano - Isole che Parlano di Musica - FNostos - Una Fanfara Transadriatica - festival - Palau - 2020 - Sa Scena Sarda
Nostos - Una fanfara transadriatica

La data clou del festival sarà quella di sabato 12 settembre, che si apre a Luogosanto con ben tre esibizioni durante la mattinata. Nella Basilica di Nostra Signora di Luogosanto, alle 10:30, si rinnoverà l’appuntamento con  Di Granito, sezione dedicata alle musiche tradizionali, giunta ormai alla quindicesima edizione: si esibiranno Gli Amici di Matteo Campanari di Locusantu e il trombettista sardo avant-jazz Arricardu Pitau, che improvviserà fondendo la tradizione campidanese con quella balcanica. Alle 11:30, tra le rovine medievali del Palazzo di Baldu, si terrà l’incontro/lezione che vedrà dialogare Jabel Kanuteh e il maliano Kalifa Kone, i quali, subito dopo, alle 12:00, si esibiranno in un inedito concerto improvvisato che metterà a confronto la cultura griot del Gambia con quella del Mali.

Nel pomeriggio il festival tornerà alla Fortezza di Monte Altura di Palau, dove alle 18:30 si terrà il secondo Concerto al tramonto con il duo Ilienses, composto da Mauro Medde e Natascia Talloru, che presenterà Civitates Barbariae, lavoro incentrato sulla riscoperta della vita delle popolazioni Barbaricine e la sua riproposizione attraverso il racconto visivo e le musiche composte con strumenti tradizionali ed eseguite in chiave avanguardista. Il duo sarà accompagnato da Andrea Sanna (tastiere e synth), Nicola Vacca (batteria, tumbarinu e sonagias), e, eccezionalmente, dal Tenore Murales de Orgosolo.

Alle 22:00, il violoncellista Francesco Guerri proporrà il suo terzo album solista, Su Mimmì non si spara!, in un concerto intimo e avvolgente tra melodia e rumorismo. Alle 23:00, infine, tornerà a esibirsi il talentuoso polistrumentista maliano Kalifa Kone (Mali) con l’acclamato vibrafonista campano Pasquale Mirra.

Isole che Parlano - Paolo Angeli - Nanni Angeli - Isole che Parlano di Musica - Ilienses - festival - Palau - 2020 - Sa Scena Sarda
Ilienses

L’ultima giornata di domenica 13 settembre, prevede invece due appuntamenti pomeridiani. Il primo, alle 17:30 nel boschetto che circonda la chiesa campestre di San Giorgio a Palau, il violinista e compositore Simone Soro presenterà, con solo violino e loop-station, il suo ultimo lavoro Me in loop, abile fusione tra jazz, tango e musica classica contemporanea. 

Chiuderanno l'edizione 2020, alle 18:30, i Freak Motel, quartetto composto da Matteo Sedda alla tromba, Andrea Sanna a piano e rhodes, Andrea Parodo al basso e Nicola Vacca alla batteria. L’interessante progetto di musica originale dalle molteplici influenze, riproposte in forma di jazz elettrico, rivisiterà Escape Room, loro ultimo album sull’isolamento e sulla necessità di spazio nella condizione insulare della Sardegna.

Nell’ambito di Isole che Palano di Sapori, sarà anche possibile degustare alcuni prodotti locali, come l’Idromele Isole 24, sabato 12, e una scelta di alcuni vini galluresi, domenica 13 settembre.

Isole che Parlano - Paolo Angeli - Nanni Angeli - Isole che Parlano di Musica - Simone Soro - festival - Palau - 2020 - Sa Scena Sarda
Simone Soro

Il festival conferma anche quest’anno la sua vocazione visionaria e coraggiosa, riuscendo a coniugare avanguardia, sperimentazione e tradizione, senza mai far prevalere un aspetto a scapito dell’altro. Grande rilievo è stato dato dagli organizzatori alle tematiche trattate nelle diverse rappresentazioni proposte, tutte incentrate sull’incontro, lo scambio e la contaminazione tra culture diverse. Tanti ospiti internazionali, ma anche grande spazio a giovani musicisti sardi, tutti autori di progetti originali, che hanno saputo combinare ricerca e sperimentazione, abilmente fusi in un programma ricco e variegato, frutto dell’oculata e paziente ricognizione effettuata da parte della direzione artistica del festival, ben spiegata dalle loro stesse parole:

“Abbiamo seguito a ritroso un filo rosso… Il filo di Arianna che ha legato le nostre scelte dal 1996.

Lo abbiamo seguito e con pazienza, avvolto in un gomitolo che a settembre, in un cielo limpido, scandirà il ritmo di questa edizione. Un metronomo personale con ritmi zoppi e variabili, appeso al filo che, ancora una volta, ci consentirà di uscire da questo labirinto con un sorriso consapevole”

Tutti gli incontri e i concerti di Isole che parlano sono a numero chiuso con prenotazione obbligatoria, per i singoli eventi, sul canale Eventbrite del festival, all’indirizzo https://isolecheparlano.eventbrite.it.

Per garantire la massima sicurezza e la salute di tutti, gli organizzatori, conformemente alle normative vigenti, hanno adottato un protocollo sanitario con misure specifiche contro la diffusione del Covid-19. All’atto della prenotazione gli spettatori dovranno fornire i propri recapiti e dichiarare di non aver presentato, nelle ultime due settimane, i sintomi del virus, di non essere stati in quarantena, isolamento o a contatto con soggetti positivi o sintomatici.

Gli organizzatori fanno appello alla collaborazione e alla responsabilità degli spettatori, affinché siano evitati comportamenti che possano mettere a rischio la salute di tutti.

A seguire il programma completo consultabile anche sul calendario del nostro sito .

Programma

(cliccare sui bottoni per i dettagli)

Isole che Parlano ai Bambini

7/9 settembre

ISOLE CHE PARLANO ai bambini

Ideato e a cura di Alessandra Angeli

 

7/9 settembre

Laboratori su misura di bambini e ragazzi

Polo Culturale Montiggia  Dalle 9,30 alle 11,30

Storie che parlano sul filo

Laboratorio di narrazione orale e collage su carta

a cura di Laura Capra e Gianluca Sciannameo

Partecipanti bambini a partire dai 6 anni che abbiano già frequentato la scuola primaria. Esperienza laboratoriale di una giornata.

 

isolecheparlano.bandcamp.com

Racconti su misura

15 anni di Isole che parlano ai bambini

 

7/8 settembre

Fortezza Di Monte Altura ore 18,00

Percorso escursionistico

Monte Altura a misura di bambini e ragazzi

Visita guidata gratuita a cura della Lugori

S.C.A.R.L.

Partecipanti genitori e bambini a partire dai 4 anni

 

Mercoledì 9 settembre

Arena Effetto Notte ore 21,15

Lorax Il Guardiano della Foresta (2012)

Regia Chris Renaud

A cura di Ariele Associazione Culturale

Isole che Parlano di Fotografia

10 settembre/8 ottobre

ISOLE CHE PARLANO di fotografia

 

giovedì 10 settembre

Palau Centro Di DoCuMentazione Del Territorio ore  21,00

Inaugurazione mostra Broken Songlines della fotografa Monika Bulaj

 

Palau Cine Teatro Montiggia ore 22,30

Riflessioni sull’etica di un mestiere

La fotografa si racconta

Broken Songlines - Tre manoscritti

performing reportage di e con Monika Bulaj

in collaborazione con Istituto Polacco di Roma e Fujifilm

 

dal 22 settembre all’8 ottobre

“Il suono dell’immagine”

visite guidate per le Scuole

Isole che Parlano di Sapori

10/13 settembre

ISOLE CHE PARLANO di sapori

 

sabato 12 settembre

Dal Miele

Liune 2020

Assaggio e presentazione della bottiglia idromele Liune “Isole24”

 

domenica 13 settembre

Momenti DiVini

Degustazione di vini di piccoli produttori sardi

Isole che Parlano di Musica

10/13 settembre

ISOLE CHE PARLANO di musica

 

giovedì 10 settembre

Aspettando Isole che Parlano

Arzachena Tomba Dei Giganti Coddu Vecchju ore 18,30

Ai Giganti

Nostos - una fanfara transadriatica

(Albania-Italia)

Irida Gjergji viola, voce, elettronica

Flavia Massimo violoncello, voce, elettronica

 

venerdì 11 settembre

 

Santa Teresa di Gallura - Piazza Libertà ore 19,00

Freedom of Movement

Kanuteh-Zanotti Duo

(Gambia-Italia)

Jabel Kanuteh kora, voce

Marco Zanotti batteria, percussioni

ospite Arricardu Pitau tromba (Sardegna )

 

Palau Fortezza Di Monte Altura 

ore 22,00

Stefano Pilia Solo (Italia)

chitarre, elettronica

ore 23,00

Dalila Kayros-Danilo Casti (Sardegna)

Dalila Kayros voce

Danilo Casti elettronica

 

sabato 12 settembre

Luogosanto Basilica Di Nostra Signora Di Luogosanto

Tocos e Repicos

ore 10,30

Arricardu Pitau, tromba (Sardegna)

Gli Amici di Matteo, Campanari di Locusantu (Sardegna)

Paolo Uscidda, Gianni Cucciari,  Andrea Lampioni, Franco Quel, Pierfranco Lollia, Francesco Quel, Antonio Argiolas, Yassin El Zaizi, Giorgio Mamia, Luca Scampuddu, Fabrizio Lollia

 

Di Granito XV Edizione

Musiche tradizionali tra sacro e profano, dedicata a Pietro Sassu e Mario Cervo

in collaborazione con Archivio Mario Cervo, col patrocinio dell’ISRE

Luogosanto

Palazzo Di Baldu ore 11,30

Incontro/lezione

Jabel Kanuteh e Kalifa Kone (Gambia-Mali)

 

ore 12,00

Kanuteh-Kone Duo (Gambia-Mali)

Jabel Kanuteh kora, voce

Kalifa Kone balafon, n’goni, percussioni

Palau Fortezza Di Monte Altura ore 18,30

 

Ilienses (Sardegna)

Mauro Medde basso elettrico, tumborro, pipiolu, tumbarinu

Natascia Talloru voce narrante, triangulu, corno, pipiolu, tumbarinu

Andrea Sanna tastiere, synth

Nicola Vacca batteria, tumbarinu, sonagias

 

Tenore Murales de Orgosolo

Franco Corrias, Giovanni Antonio Busio, sas voches

Salvatore Musina, Cosimo Mureddu, sas mesuvohes

Maurizio Bassu, sa hontra

Antonio Musina, Lutzianu Succu, sos bassos

Palau Fortezza Di Monte Altura ore 22,00

 

Su Mimmi non si spara!

Francesco Guerri (Italia)

violoncello

ore 23,00

 

Mirra-Kone Duo (Italia-Mali)

Pasquale Mirra vibrafono

Kalifa Kone balafon, n’goni, percussioni

 

domenica 13 settembre

Palau località San Giorgio ore 17,30

 

Simone Soro (Sardegna)

violino e looper

ore 18,30

 

Freak Motel (Sardegna)

Matteo Sedda tromba

Andrea Sanna piano Rhodes

Andrea Parodo basso

Nicola Vacca batteria



Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo sui tuoi social e lasciaci un commento

Aiutaci nella nostra avventura con una piccola donazione (trovi il pulsante nel footer qua sotto) Grazie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: