fbpx

I'm not dead yet

Big Bon, Talk About Records 2018

Recensione di Muflone

Big Bon è una one man band dietro la quale si cela il nome di Mirko Zoroddu, sardo di nascita ma di base a Bologna, esattamente come River of Gennargentu, che gli ha anche prodotto il disco.

I’m not dead yet,  questo il nome del disco, esce per l’attivissima Talk about Records ed è costituito da sette pezzi.

Mi accingo ad ascoltarlo ponendolo mentalmente nel solco dell’ormai nutrita e ottima schiera di one man band sarde, aspettandomi quindi del blues.
Il lavoro è invece già dal primo ascolto un disco del tutto folk, intendendo quello americano da Woody Guthrie in poi, sia musicalmente che per quanto riguarda i testi, impegnati in alcune problematiche sociali sarde come l’occupazione militare di certe aree (Devil takes my soul).

mirko zoroddu - big bon - river of gennargentu - talk about records - sa scena sarda - 2018

Un mix di generi

Si parte con Good people, un gospel tutto voce e tacco che ci aiuta subito a entrare nei polverosi anni ‘30 nordamericani. Si prosegue poi con tre brani tipicamente folk con voce, chitarra e armonica piuttosto movimentati: Cotton fields, Gambler blues e Let it burn.

L’uso costante della chitarra resofonica e del suo particolarissimo suono ci aiuta a restare in questa atmosfera da grande depressione statunitense, mentre la voce versatile e capace di Mirko ci ricorda che siamo di fronte a un musicista contemporaneo.

Le successive due tracce ci presentano un Big Bon più maturo. The devil takes my soul e Waitin’ for the sun sono infatti le canzoni più riuscite del disco sia in fase compositiva che nelle liriche.

Il disco si conclude con un divertente pezzo tutto chitarra e armonica, Dirty roads, ma ci lascia un po’ l’amaro in bocca per la brevità del lavoro.

mirko zoroddu - big bon - river of gennargentu - talk about records - sa scena sarda - 2018

La colonna sonora ideale in compagnia di Huckleberry Finn

Se vi piacevano o vi piacciono le avventure di Tom Sawyer e Huckleberry Finn, se avete amato il protagonista di Furore, il mitico Tom Joad, sappiate che questo album potrebbe essere una ottima colonna sonora per quel tipo di letture.

Buon ascolto!

Rispondi