fbpx
RECENSIONI

Elusive - Soundtrack to Mark's Diary

Andrea Andrillo, Radici Records 2019

Recensione di Daniele Mei

Elusive, sfuggente, inizia con l’arpeggio acustico di Morning – il testo è una poesia di William Blake – sul quale si poggia morbida la voce di Andrea Andrillo, cantautore che negli ultimi anni sta affermandosi sempre più.

Un mood che prosegue con lo scorrere delle tracce, in maggior parte rivisitazioni di classici che hanno segnato la vita dell’autore. L’esplorazione di sentimenti come l’amore, la solitudine e la voglia di riscatto umano e sociale permeano questo disco attraverso interpretazioni sofferte e sincere.

Ci sono gli Smiths, i Doors, i Depeche Mode ma anche i Blondie. Non poteva mancare, tra queste canzoni, Fabrizio De Andrè e il giusto omaggio alla storia dei CCCP con Annarella. A Little Love, a Little Kiss è una chicca pescata addirittura dal 1912: il brano è di Leo Silesu, compositore samassese che ha trovato fortuna a Parigi.

Oltre a queste riletture spiccano, e si fondono con il resto, due brani autografi come Bitter Song, dal passato di Andrillo nei Man on the Margin, e In Spite of Everything, l’unica con il supporto della band. 

Un disco nato come colonna sonora del film Mark’s Diary di Jo Coda, ma da considerarsi opera a sé stante, apprezzabile anche decontestualizzato dal motivo per cui è stato creato.

spotify icon
Andrea andrillo - songs to mark's diary - mark's diary - cantautore - cagliari - sa scena sarda - 2019

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo sui tuoi social e lasciaci un commento

Aiutaci nella nostra avventura con una piccola donazione (trovi il pulsante nel footer qua sotto) Grazie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: